Come accelerare il metabolismo, consigli e metodi

Come accelerare il metabolismo

Come accelerare il metabolismo, i metodi e qualche utile consiglio.

Esistono in verità metodi tanto semplici quanto naturali per dimagrire. Possiamo pensare a mille diete, ad altrettanti metodi più o meno furbeschi per cercare di togliere qualche chilo di troppo; possiamo ingannare noi stessi e forse anche gli altri vestendo in una determinata maniera. Però, alla fin fine, prima di analizzare in maniera più specifica le strade per accelerare il metabolismo, bisogna pensare a mangiare di meno e a fare sport.

Mangiare di meno non vuol dire necessariamente dieta stretta, ma semplicemente controllo. Un’infinità di persone, traendo in inganno più se stesse che gli altri, mangiano un piatto di lasagne a pranzo, e poi stanno attente a mettere il dolcificante ipocalorico nel successivo caffè. Così come ce ne sono tantissime dicono che saltano il pranzo o la cena ma ogni ora aprono la dispensa o il frigorifero e cercano il biscotto, il pezzetto di cioccolata e quant’altro.

Biscotto minuscolo, pezzetto di cioccolata insignificante, a loro dire: il problema è che alla fine della giornata il pacco di biscotti finisce, così come l’intera tavoletta di cioccolata. E’ un po’ lo stesso atteggiamento autoassolutorio e ingannevole del bevitore che diluisce accuratamente nell’acqua il bicchiere di vino, pensando di fare opera meritoria e salutistica. Alla fine della giornata, però, i bicchieri di acqua e vino sono dieci, quindici, e forse anche di più. E la quantità di alcol che assume è lo stesso notevole.

Quindi mangiare di meno, vuol dire imparare a controllarsi sulla quantità, oltre che sulla qualità del cibo e di ciò che beviamo. L’altra cosa semplicissima da fare, che richiede solo un po’ di sforzo e di tempo, ma, se vogliamo, nessuna spesa, è quella di fare sport, compatibilmente con l’età e lo stato di salute ovviamente. Fare sport in maniera regolare, contribuisce in maniera importante a dimagrire, rafforza il fisico e fa affrontare meglio le giornate da un punto di vista psichico e intellettuale.

Ma, di là dello sport e del semplice, banale controllo sulla quantità di cibo, naturalmente il discorso può diventare più complesso e completo. L’idea è quella, ad esempio, di individuare le strade per accelerare il fattore metabolismo. Per far queste lasciamo stare le diete lampo e le pillole miracolose. Atteniamoci ai fatti e vediamo di che si tratta. Il metabolismo è definito come un processo biochimico che ha il compito di regolare e trasformare le calorie che assumiamo in energia. Per far sì che il metabolismo funzioni in maniera equilibrata e corretta, vediamo cosa non bisogna fare. Anzitutto bisogna evitare il più possibile bevande con alto contenuto di zuccheri, snack vari e cibi pronti, oltre a cibi molto raffinati e altamente grassi.

Bisogna altresì cercare di riposare bene, in maniera corretta: un corpo non stanco e in forma, lavora meglio. Cerchiamo poi di non stressarci tropo, dal momento che lo stress aumenta la produzione di cortisolo, che favorisce l’aumento del peso. Bisogna poi evitare le diete troppo rigide. Con le diete troppo severe il metabolismo rallenta per impedirci di consumare troppe calorie. A volte queste diete funzionano a breve termine, ma sulla lunga distanza quasi mai.

Evitiamo il più possibile di intossicare il nostro corpo, con troppo cibo e troppi medicinali, perché l’accumulo di tossine rallenta il metabolismo. Invece bisogna mangiare bene. Ad esempio verdure a foglia verde, cavolfiori, pompelmi, ananas, cocomeri, asparagi, zucchine, pomodori, broccoli, rape, spinaci, arance, frutti di bosco, carote, lattughe, cipolle, limoni, aglio, sedani, mele.

Esistono anche spezie efficaci, come aneto, zafferano, cardamomo, ginseng, pepe nero, peperoncino, curcuma, zenzero, cumino, cannella. E poi bisogna bere tanta acqua naturale. Acqua di fonte, acqua pura atta a disintossicare l’organismo poiché contribuisce a eliminare le tossine mentre favorisce il trasporto dei nutrienti verso le cellule.

E poi sempre sport, non dimentichiamolo mai.